Chirurgia

L’estrazione dentaria avviene in anestesia locale, cercando di salvaguardare al massimo le strutture dei tessuti circostanti. L’estrazione di radici dentarie incluse è quell’intervento con il quale si provvede alla rimozione della parte di osso che impedisce di accedere alla radice inclusa. Così facendo, rendiamo possibile la sua estrazione.
L’apicectomia è un intervento di chirurgia orale con il quale si rimuove l’apice radicolare, ossia l’apice del canale della radice dentale. Vi si ricorre quando, con i normali trattamenti endodontici, è impossibile rimuovere gli agenti infettivi dal canale radicolare, sigillarlo e, così facendo, impedire il propagarsi dell’infezione all’area peri radicolare.
L’alveotomia è un intervento di chirurgia orale di estrazione a cui si ricorre quando è necessario rimuovere una parte dell’osso alveolare che impedisce l’estrazione di un dente (dente incluso o impattato). Di norma quest’intervento si esegue per estrarre i denti del giudizio non erotti o erotti solo parzialmente.

Accorgimenti post-chirurgia

Dopo l’intervento chirurgico, non risciacquare la bocca. Risciacquarla dal giorno successivo con prodotto prescritto post intervento.

Non consumare bevande o alimenti molto caldi.

Durante le prime 8 ore successive all’intervento, applicare impacchi ghiacciati sulla guancia in prossimità della parte operata per 15 minuti, alternandoli a pause di 30 minuti.

Dormire in posizione leggermente rialzata.

Quando l’anestesia esaurisce il suo effetto, se prescritto dalla dottoressa, assumere analgesici.

Non assumere aspirina o altri analgesici che contengano acido acetilsalicilico, perché possono essere causa di emorragia.

Evitare di fumare.
In caso di lieve emorragia, tamponare con un pezzetto di garza sterile per 30 minuti.